Cosa sai della Pasqua Scandinava?

Cosa sai della Pasqua Scandinava?

Il conto alla rovescia per la Pasqua è iniziato! Soltanto alcuni mesi fa' nessuno di noi avrebbe avuto dubbi su come trascorrerla: alcuni di noi sognavano una meta esotica, altri una rilassante gita fuoriporta nel weekend oppure il tradizionale pranzo in famiglia. Quest'anno, invece, dovremo tutti inventarci un nuovo modo di festeggiare, chiusi nelle mura domestiche. Sicuramente la lontananza dagli affetti, che solo in parte i dispositivi tecnologici riescono a lenire, e i rimpianti per i progetti sfumati non mancheranno di strapparci qualche lacrimuccia per cui, per festeggiare, non ci resta che lasciarci andare ai peccati di gola. Ad eliminare in parte i nostri sensi di colpa ci penserà la diffusa diagnosi di "depressione da quarantena", di cui tutti ormai sentiamo di soffrire. Con questo piccolo trucco qualche deroga in più ai nostri regimi alimentari ci è concessa, e allora porte aperte a: gustose uova di cioccolato, dolci tipici, pasta fresca fatta in casa (anche se non sarà buona come quella di mamma o nonna), il tutto disposto su una bella tavola, rallegrata da decorazioni pasquali, magari realizzate dai bimbi. Per rilassarti ti consigliamo di abbandonare i siti di notizie e, complice il tempo ritrovato, di ritagliarti qualche minuto per ingolosire la tua curiosità con qualche notizia di folklore nordico.Ti chiedi mai cosa sai delle tradizioni pasquali delle altre nazioni? Scopriamo insieme la Pasqua scandinava e le sue stravaganti celebrazioni!

In Danimarca, in occasione della Pasqua, i danesi, normalmente, ne approfittano per una breve fuga nelle loro case estive a godersi il clima primaverile. Ogni bambino che vuole ottenere un uovo di cioccolato pasquale deve scrivere e spedire, una settimana prima, un “Gækkebrev” ("lettera del matto"), una parola danese per indicare una sorta di origami con all'interno un messaggio augurale. I mittenti di “Gækkebreve” devono scrivere un breve testo su un foglio e poi firmarlo con un numero di punti uguale alle lettere dei loro nomi.

I bambini sono invitati da mamme e maestre ad usare la loro immaginazione e tagliare la carta in diverse forme, includere all'interno un bucaneve ("vintergække"), che è il primo fiore dell'anno, e assicurarsi che le loro poesie facciano rima. Se il destinatario della lettera indovina chi gli ha inviato il gækkebrev (ha tre tentativi), allora il mittente deve dargli un uovo di cioccolato pasquale, in caso contrario sarà colui che ha scritto il messaggio a regalare l'uovo. Poiché di solito i mittenti sono bambini e i destinatari sono adulti, è una regola non scritta di questa stravagante tradizione che i riceventi non riescano mai a indovinare la persona che si nasconde dietro la "lettera del matto". Una tradizione davvero carina da provare a casa per distrarre i bambini con una nuova attività che coinvolga grandi e adulti.
E le tradizionali uova di cioccolato? Anche in Scandinavia sono un vero e proprio must! Molti danesi le nascondono nei loro giardini affinché i bambini le trovino la Domenica di Pasqua, mantenendo viva una tradizione che risale addirittura all'inizio del secondo secolo dopo Cristo! Dipinte in colori accesi primaverili e impreziosite con fiori, stelle e figure di animali, le uova vengono utilizzate anche per decorare la tavolata pasquale, non importa se siano uova di cioccolato o semplici uova di gallina bollite. Che cosa manca per una Pasqua perfetta? Naturalmente un ricco menù di prelibatezze!
Per il pranzo pasquale della domenica, in famiglia o tra amici, molti danesi preparano il tradizionale agnello oppure aringhe e altri tipi di pesce come il salmone. La birra speciale di Pasqua, prodotta solo in questo periodo dell'anno, è, secondo gli specialisti della birra, più pesante e più gustosa delle birre comuni, quindi è un must averla sul tavolo delle feste!

Anche gli Svedesi non sono da meno nel festeggiare la Pasqua!

In Svezia, il Giovedì Santo, i bambini si travestano da "Påskkärringar" ("Streghe pasquali") indossando abiti scartati, foulard coloratissimi e truccandosi le guance di rosso in modo da creare finte lentiggini. Secondo la tradizione svedese è il giorno in cui le streghe volavano via sulla scopa verso la leggendaria isola di Blåkulla per festeggiare e ballare con il diavolo. Alla base di questa credenza c'era la convinzione che il giorno in cui Giuda tradì Gesù, in tutto il mondo si fossero scatenate tutte le forze del male. Così conciati i bimbi passano di casa in casa nel quartiere e offrono ai proprietari i loro dipinti e disegni, nella speranza di ricevere dolci in cambio. Un mix di Halloween ed Epifania, insomma! Sicuramente un costume molto più semplice da improvvisare per una mamma, rispetto ai personaggi dei cartoni animati preferiti dal figlio, basta qualche straccio vecchio, un grembiule della nonna e il gioco è fatto.
E non è ancora finita: dopo aver consumato tutti questi dolcetti, a casa, i bambini ricevono, per la gioia dei dentisti, anche le uova di cioccolato! I genitori più bravi permettono ai bambini di cercare le uova da soli in giardino, per tutto il tempo necessario, seguendo indizi e risolvendo enigmi finché non trovano i loro premi.
Come i danesi anche gli svedesi sono buone forchette e non rinunciano alle ghiotte ricette della tradizione.
Un pranzo pasquale è solitamente composto da alimenti per niente leggeri, legati al mondo contadino: diverse varietà di aringhe in salamoia, salmone stagionato e la famosa “Tentazione di Jansson” (un piatto con patate, cipolle e acciughe sott'aceto, il tutto cotto nella panna).
Però niente classico pranzo da seduti, come si usa da noi in Italia: il tavolo viene spesso disposto come un tradizionale buffet (o "smörgåsbord" come è scritto in svedese). Per finire non può mancare la grappa speziata (essenziale per digerire il pranzo) e, a cena, l'agnello arrosto accompagnato da un gratin di immancabili patate e asparagi, o qualche altro contorno adatto.
Buona Pasqua a tutti!

Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Left Continua l'acquisto
Il tuo ordine

Nessun articolo nel carrello

x